IACOPO PASQUI

 

Senza Titolo #26

Piazza Palazzo - ottobre 2014

 
  • Foto Installazione
  • Foto Installazione
  • Foto Installazione
  • Foto Installazione
  • Foto Installazione
 
 
"Fotografare è il modo migliore per dare concretezza all'immaginazione"
 

Iacopo Pasqui (Firenze, 1984) è un fotografo documentarista e fine art. La sua ricerca è incentrata sul paesaggio naturale e artificiale e sugli aspetti legati al quotidiano e alle dinamiche proprie della contemporaneità prediligendo l’uso del colore. E’ fra i tre vincitori del Leica Talent 2011 ottendendo un assigment per Leica Italia e l’Agenzia Magnum. Nel 2012 è il più giovane autore contemporaneo inserito nel volume “Storia della fotografia in Italia. Dal 1839 ad oggi” di Gabriele D’Autilia (Einaudi, Torino 2012). Nel 2013 documenta il Conclave per l’Istituto della Enciclopedia Italiana “G.Treccani” realizzando un lavoro per il volume “Il Conclave di Papa Francesco” a cura di A.Melloni (Treccani, Roma 2013) Edizioni d’Arte. Tiene corsi e workshop di fotografia e di metodologia di progettazione fotografica presso scuole ed associazioni. Collabora con alcune cattedre della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Teramo. Della sua proposta per L'Aquila da cui è tratta la foto selezionata “Senza Titolo #26” dice: “Gli animali mi hanno sempre incuriosito, forse perché credo che per la maggior parte di loro, la condizione di cattività abbia dei forti tratti in comune con lo status dell’uomo contemporaneo. Certo, i limiti e le modalità di privazione di libertà ai quali sono soggetti uomini e animali sono differenti ma penso che entrambi soffrano di una forma di schiavitù. La scelta di questo lavoro per Off Site Art, scaturisce appunto dalla similitudine, a mio guardare, tra la gabbia del circo e la gabbia urbana che è ancora oggi L’Aquila. Inoltre, senza essere eccessivamente didascalici, mi sembra che le vicissitudini che hanno reso protagonista il Capoluogo nell’imminente post sisma l’abbiano trasformato in un grande circo, peccato che la maestria dei circensi, in questo caso, non fu minimamente degna di tale nome”.

Questa installazione è ospitata da



Twitter Facebook Google+ LinkedIn buffer StumbleUpon Digg flattr Pinterest tumblr Reddit Email

BACK