Pierpaolo Mancinelli

 

Urban Map

Piazza Duomo - dicembre 2016

 
  • Foto Installazione
 
 
"La luce accende il colore, l'arte accende la vita"
 

Nato a L’Aquila nel settembre del 1955 già da giovane mostra un notevole interesse per l’arte, il design e la musica. Frequenta gli ambienti culturali Aquilani dal Conservatorio di musica all’Accademia di Belle Arti, collabora come tecnico del suono nel teatro universitario. Negli anni ’70 fonda insieme ad altri amici l’associazione culturale “Contemporanea” un luogo di incontri dove vengono organizzati eventi culturali che vanno dalla musica, il teatro, la letteratura e la pittura. Autodidatta comincia a dipingere con le tecniche tradizionali sperimentando varie forme espressive: dalla pittura ad olio, la serigrafia, tecniche varie mostrando un interesse verso la conoscenza delle varie possibilità espressive e l’uso di vari materiali. Negli anni ’80 vince un concorso nella Regione Abruzzo come programmatore nel settore informatica. Dopo qualche anno fonda una società d’informatica insieme a due ingegneri ed un informatico, la “Sistema 4”, che si occupa di sviluppo software. Negli anni ’90 vince una borsa di studio per Esperti di Informatica indetta dal Formez e si trasferisce a Roma per 18 mesi. Rientrato a L’Aquila dà sfogo alla sua prima passione ed apre un negozio di musica, Note e Pause. Nel 2000 apre un negozio di arredamento di design nel centro storico dell’Aquila (purtroppo chiuso con il terremoto) ed in questo contesto comincia a studiare ed approfondire le possibilità offerte dal computer nell’ambito artistico e da allora sono oltre dieci anni che lavora con il computer e concepisce opere digitali che poi vengono stampate su tela artistica. L’obbiettivo di questi ultimi lavori è cercare di raccontare un concetto o una emozione tramite un nuovo linguaggio nel campo dell’arte, un linguaggio moderno e costruito con l’ausilio della stessa tecnologia raccontata nelle opere dove il segno grafico diventa protagonista. Tutte le opere digitali vengono restituite su un supporto tradizionale: la tela artistica. Le opere della serie Urban Map rappresentano una vista dall’alto della complessità urbana contemporanea mettendone in evidenza, in quanto realtà complessa, la fragilità. In diverse di esse l’ombra di un uccello simboleggia la speranza di una ripartenza economica e culturale dell’Aquila.

Questa installazione è ospitata da



Twitter Facebook Google+ LinkedIn buffer StumbleUpon Digg flattr Pinterest tumblr Reddit Email

BACK