Anna Capolupo

 

Places

Corso Vittorio Emanuele 35 -

 
  • Foto Installazione
  • Foto Installazione
  • Foto Installazione
 
 
“Amo la regola che filtra l’emozione” (G.Braque)
 

Anna Capolupo (Lamezia Terme, 1983, vive e lavora a Firenze) è laureata in pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Consegue il master di Arteterapia della Laba di Brescia nel 2014. E’ protagonista di due importanti mostre presso la galleria torinese Burning Giraffe Art Gallery con cui collabora, “Torino-Berlino NowHere” e “Inconscio metropolitano V.I e II”. Attraverso una pittura realistica, ricca di verità ruvide che sfociano in colori intensi capaci di esaltare le architetture suburbane, ritratte con rigorosa geometria, graffi e tagli che ne restituiscono la matericità, l’artista esamina e misura i non-luoghi delle città. E’ vincitrice del premio Young at Art e finalista al Premio Terna. Nel 2015 ha la sua prima personale in un’istituzione museale pubblica, “Dove sono sempre stata”, che si tiene tra i mesi di aprile e maggio presso il MACA di Acri (Cs). Nel 2015 la rivista Wired la inserisce nella lista dei 20 giovani più promettenti d’Italia (Wired Audi Innovation Award). Nel 2016 si aggiudica il Premio Combat Prize, sezione Grafica, con l’opera “Don’t Be Afraid of Emptiness”. Nel novembre 2016, ottiene una menzione speciale dalla giuria del Premio Exhibit a The Others Art Fair per l’installazione “Il bello di ciò che non ricordiamo” e nel 2017 al Premio Valcellina Award 10°ed. ottiene un’altra menzione speciale sempre con la stessa opera. Ha esposto nelle fiere italiane Paratissima (2014) The Others (2015 e 2016), SetUp Art Fair (2016) e ArtVerona (2015-2016).

 

Questa installazione è ospitata da



Twitter Facebook Google+ LinkedIn buffer StumbleUpon Digg flattr Pinterest tumblr Reddit Email

BACK